Aleppo

Aleppo
105×75 cm
Olio, foglia oro, acrilico su tela

 

Aleppo
105×75 cm
Olio, foglia oro, acrilico su tela

Quale futuro?
Per rispondere alla domanda, ho pensato utile partire dal presente per poter immaginare quale potrebbe esserne il futuro. Ogni presente, credo, ha il futuro che si merita.

I bombardamenti di Aleppo sono un ennesimo squarcio nella nostra cultura universale e nella storia di una specie, quella umana. Colpiscono soprattutto per il silenzio che fanno le bombe: come se fosse un film di qualche supereroe da fumetti o una animazione digitale, nei quali tutto accade dietro allo schermo, ma solo per gioco, solo per divertimento.

Aleppo e’ distrutta davvero e l’unico pensiero che abbiamo, tutti insieme, tutti concordi, e’ metterci a costruire dei muri come se gia’ non ne avessimo costruiti a sufficienza in questi anni. Come ogni bravo Pink Floyd potrebbe ricordarci, i muri sono di ogni tipo, di ogni fattezza, di ogni spessore. I muri, culturali o di cemento, uccidono piu che salvare.

Barricati dietro al muro perdiamo di vista l’unica cosa che ci puo’ davvero salvare, la natura, la nostra stessa natura e la natura madre dalla quale siamo arrivati. E che prima o poi, con il nostro consenso o meno, tornera’ ad essere tra noi, sempre che non sia mai andata via.

Il Leviatano di Hobbes

Avversione

Visioni superficiali e attente del Leviatano

Le passioni, desiderio e avversione

 

 

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International License.

Painting is part of the paint

Probably one day painters will work just in virtual worlds, making their sketch with tools like this.

Machine will be able to replicate every technical artefacts human being can do today. But what about emotions, traumas, feelings and inspiring ideas? I don’t know if machines could ever learn these strange human things. Not until they won’t feel pain, fear, joy and happiness.

Untile then we are safe, we have a role (for which game we still don’t know, but that’s a part of the role itself).

Although this, I’m not sure as well technical actions (making a sculpture, painting, writing) are not part of the process. Like Chinese and Japanese teach us west people, walking the way is part of the journey, not just a way to arrive some where.

 

Google’s New Tilt Brush Just Reimagined What’s Possible ” Second Nexus

Tilt Brush, Google’s virtual reality painting app, allows painters, architects, and even fashion designers to craft multidimensional art with only a wave of their hands. The technology could permanently redefine the way artists conceptualize and render their work.

Preferiamo monet a picasso

Generalmente parlando, ci piace quello in cui riusciamo a riconoscerci. Non siamo molto abituati alla ‘domanda’, al dubbio, all’ignoranza e all’incomprensione.

Gli studi accademici, i libri nuovi, le nuove teorie, i film che pongono degli interrogativi nuovi hanno la meravigliosa capacita’ e caratteristica di porci delle domande. Di regalarci le ‘domande’, domande nuove, domande mai fatte, domande a cui nessuno si e’ interessato ancora di rispondere, domande che assomigliano a domande che conosciamo ma sono, nel contempo, diverse.

Diverse perche’ appartengono a contesti culturali diversi o perchè sono realizzate con linguaggi nuovi o ancora perche’ pongono la stessa questione, ma da un punto di vista diverso.

Se io dico ‘Che genere di animale e’ quello?’, diverso e’ se lo dico io durante la visita ad uno zoo, o se lo faccio dire in quadro ad una zebra, o se in un film viene detto da un alieno guardando un uomo.

Adoro chi fa domande, chi ne fa di nuove, di belle (esteticamente e intellettualmente). Le risposte sono ovviamente altrettanto importanti, ma chi non scava, difficilmente riuscira’ a trovare.

Il buono il brutto il cattivo – Il mondo si divide in due categorie

Il buono il brutto il cattivo: Sai il mondo si divide in due categorie: chi ha la pistola carica e chi scava. Tu scavi.